Citroen Ami: i perché di un successo mondiale

Citroen Ami
Ti piace questo articolo? Condividilo!
Loading...

Mai nome fu più azzeccato di Citroen Ami, perché se la guidi una in città farai amicizia. Non è solo lo stile Fisher-Price (anche se questo aiuta, non da ultimo con i bambini che la riconoscono immediatamente come un’auto che potrebbero aver progettato loro stessi), ma anche le dimensioni ridotte che ti distinguono tra le orde di SUV dai lati troppo alti come qualcuno che si prende cura del proprio pianeta e degli altri utenti della strada. Le persone salutano, le persone sorridono, le persone ti lasciano fuori dalle svolte laterali.

Post-production : Astuce Productions

Citroen Ami, piccola, elegante e… che fa arrabbiare

Beh, quasi tutte le persone lo fanno. Chiaramente c’è chi non è così entusiasta di vedere la piccola Citroen Ami per le strade, con la sua velocità massima di 45 km/h. L’autonomia di 75 km con una sola carica sembra minuscola, ma dato che l’Ami utilizza solo una batteria da 5,5 kWh, anche in questo caso non è male. Sicuramente questo la rende la meno capace di tutte le auto elettriche, però con 40 Nm di coppia dal piccolo motore da 8 CV, puoi effettivamente far girare le ruote e farlo anche bene. 

Copyright maison-vignaux @ Continental Productions

Ma è un’auto o un quad?

Non è affatto un’auto, ma tecnicamente un quadriciclo. C’è chi addirittura avvicina la Citroen Ami più ad un elettrodomestico che ad un’auto, ma questa accezione appare alquanto ingenerosa. Sta di fatto che i concessionari Citroen ne stanno vendendo moltissime, di Ami. E questo vorrà pure dire qualcosa. 

Loading...
Copyright maison-vignaux @ Continental Productions

Prezzo assai competitivo

Uno dei motivi per il quale si vendono tante Citroen Ami è, ovviamente, il prezzo. Si va da 7.600 a 9.000 euro, in base al modello che si vuole acquistare, cifre assai competitive inuma mercato dove l’elettrico è ancora spesso fuori portata. Cosa otterrete per questa cifra? Una ruota ad ogni angolo, due sedili di plastica dura e abbastanza spazio intorno ai piedi del passeggero e dietro ai sedili per alcune borse o un po’ di shopping. Questo è tutto. Infotainment? Basta collegare il telefono all’altoparlante Bluetooth integrato. Calore? In realtà c’è, ma ha solo una velocità. E poi non ha rivali, eccezion fatta per la Renault Twizy. 

Loading...

Controllo dei costi

Tutto sull’Ami è progettato per contenere i costi. I pannelli anteriore e posteriore sono identici e distinguibili solo perché le lampadine sul retro sono rosse. Le porte sono le stesse: quindi quella lato guidatore è incernierata posteriormente e si apre all’indietro, mentre quella lato passeggero è incernierata anteriormente e si apre in avanti. La carichi usando una presa domestica incorporata che vive all’estremità di un lungo cavo, arrotolata nell’incastro della portiera del lato passeggero. Non c’è una ricarica rapida. Come modo per spostarsi in città, utilizzando risorse minime, è qualcosa di vicino al genio. È più asciutto di una bicicletta, più sicuro di uno scooter e più bello che prendere un taxi.

Loading...

Be the first to comment on "Citroen Ami: i perché di un successo mondiale"

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.