Emissioni di CO2 nel mondo: i paesi che inquinano meno e quelli che inquinano di più

CO2 emission
Image by Gerd Altmann from Pixabay
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La classifica parla chiaro, la Cina è la più inquinante

Emissioni di CO2 nel mondo, quali sono i paesi che inquinano di meno e quelli che inquinano di più? Un’impronta di carbonio è la quantità di anidride carbonica che viene rilasciata nell’aria a causa del consumo di combustibili fossili. Il combustibile fossile è qualsiasi risorsa non rinnovabile come petrolio, carbone e gas naturale. Spingono le nostre auto, fanno funzionare i nostri fornelli e in pratica ci aiutano a vivere le nostre vite al massimo. Molti paesi hanno grandi emissioni di CO2, mentre altri hanno a malapena lasciato un granello di carbonio sulla Terra. Ho raccolto informazioni dal Global Carbon Atlas. Continua a leggere per conoscere i cinque paesi con la minore emissione di carbonio, nonché i cinque con la maggiore.

Emissioni di CO2 nel mondo, i paesi che inquinano meno

  • Tuvalu 

Probabilmente non hai mai sentito parlare di Tuvalu prima, e questa è una grande parte del motivo per cui ha l’impronta di carbonio più bassa del pianeta. La loro attuale impronta di carbonio è pari a zero MtCO₂ e prevedono di continuare questa tendenza eliminando del tutto i combustibili fossili. Il cambiamento climatico li preoccupa per il destino del loro paese poiché le maree aumentano ogni anno, motivo per cui stanno passando all’energia solare ed eolica. Questo paese può sostenere solo 12.000 persone, ma la loro mancanza di industria rende le emissioni zero un obiettivo fattibile per loro da raggiungere di nuovo. 

  • Niue

Niue è un altro piccolo paese insulare che ha meno di 0,1 MtCO₂ di emissioni di carbonio ogni anno. Si trovano nel Pacifico e parte del motivo per cui le loro emissioni sono così basse è che hanno una popolazione piccola. Il cambiamento climatico ha causato l’innalzamento del livello del mare e un aumento delle precipitazioni, quindi ogni anno perdono sempre più terra a favore dell’oceano. Hanno una popolazione di meno di 2.000 persone e la loro industria consiste principalmente nella lavorazione della frutta che raccolgono sulla loro isola, il che lascia poco spazio ai combustibili fossili.

Loading...
  • Nauru

Nauru vanta un’emissione di 0,1 MtCO₂, e questa piccola isola è un sito per rifugiati in cerca di asilo in Australia. L’economia di questo piccolo paese era in piena espansione, ma tutto finì quando le miniere di fosfato si esaurirono. Questo non solo ha distrutto il paesaggio, ma ha influenzato anche la vita marina nelle vicinanze, che non ha lasciato praticamente nulla. Quest’isola è diventata estremamente povera e fa affidamento sull’aiuto dei paesi stranieri mentre lotta per mantenere in vita i suoi cittadini, anche se pochi di rado vivono oltre i sessant’anni. 

  • Kiribati

Kiribati ha una delle più piccole emissioni di carbonio al mondo con 0,1 MtCO₂ rilasciate ogni anno. Tendono a rimanere un paese affiatato che non si occupa di mercati internazionali, il che è parte del motivo per cui sono riusciti a evitare di creare una grande impronta di carbonio. La loro economia principale è costituita da turismo, artigianato e pesca, che trascurano tutti l’uso di risorse non rinnovabili. Comprendono l’importanza di utilizzare la terra a proprio vantaggio mentre trovano il modo di adattarsi ai cambiamenti climatici che stanno accadendo intorno a loro.

  • Tonga

Tonga gode di vivere la vita al massimo senza l’uso di emissioni nocive di carbonio derivanti dalla combustione di risorse non rinnovabili. Rilasciano solo 0,1 MtCO₂ all’anno, poiché lavorano per produrre e vendere raccolti da reddito, alcuni dei quali esportano in altri paesi come il Giappone. Questo, combinato con le loro spedizioni di pesca e i tassi di turismo, li tiene a galla. Il loro modo di vivere rende possibile un’impronta di carbonio limitata, ma dovrebbero anche essere visto come un modello per le altre nazioni mentre lavorano per ridurre le loro emissioni.

Loading...

Emissioni di CO2 nel mondo, i paesi che inquinano di più

  • Giappone 

Il Giappone ha la quinta posizione nella speciale classifica tra i paesi che hanno il maggior numero di emissioni di CO2 nel mondo 1.205 MtCO₂ all’anno. Alcuni sono probabilmente sorpresi che non sia di più quando si sommano le loro numerose industrie e le grandi città piene di automobili. Hanno lavorato per ridurre le loro emissioni del 26% e sperano di raggiungere questo obiettivo entro il 2030 dopo che il crollo del loro propulsore li ha portati ad aumentare il loro utilizzo di combustibili fossili. Il loro obiettivo principale è la costruzione di nuovi reattori nucleari, ma l’uso continuato del carbone è ancora un fattore preoccupante nel grande schema delle cose.

  • La Federazione Russa

La Federazione Russa emette 1.693 MtCO₂ all’anno. Stanno lavorando per ridurre le loro emissioni, ma il governo stesso è sostenuto dall’industria dei combustibili fossili, motivo per cui stanno avendo così tanti problemi nel liberare il paese da queste risorse non rinnovabili. I loro centri sono obsoleti, ma senza un significativo aiuto interno è dubbio che nel prossimo futuro si realizzeranno progressi.

  • India

Non dovrebbe sorprendere che l’India sia in cima alla nostra lista poiché rilascia 2.467 MtCO₂ all’anno. Le emissioni sono iniziate a crescere a un ritmo allarmante nell’ultimo anno mentre si concentrano sul loro uso di risorse non rinnovabili, nonostante gli sforzi per ridurre. Usano il carbone per l’energia e il petrolio per i trasporti, ma questa non è una scusa per il loro errore ambientale. Questo paese è diventato parte dell’accordo di Parigi sul clima e si sono prefissati l’obiettivo di ridurre le emissioni di oltre il 30% entro il 2050, ma solo il tempo dirà se manterranno la loro parte dell’accordo.

Se pensavi che l’emissione dell’India fosse alta, aspetta di sentire i numeri degli Stati Uniti. Questa grande nazione emette 5.270 MtCO₂ all’anno, che è più del doppio delle emissioni annuali dell’India. Gli Stati Uniti sono guidati dall’industria, ma non ci sono scuse per questo aumento dell’uso di combustibili fossili nocivi. Canada e Messico non sono in questo elenco, il che significa che è possibile ridurre abbastanza per fare la differenza. Un totale del 29% delle emissioni proviene dai trasporti, ovvero cose come automobili, aerei, treni e barche. Puoi aiutare questi numeri passando a un veicolo elettrico o scegliendo di condividere l’auto con un amico. 

  • Cina

La Cina è il più grande colpevole di tutti poiché rilascia 9.839 MtCO₂ all’anno nell’atmosfera. Sfortunatamente, il loro uso di combustibili fossili ha continuato a crescere man mano che sempre più fabbriche comparivano per produrre molti prodotti che utilizziamo in giro per il mondo. La Cina deve eliminare gradualmente il carbone, il loro più grande fornitore di energia, se sperano di ridurre gli effetti che il loro uso sta avendo sull’atmosfera. Hanno politiche in atto, ma saranno necessari grandi cambiamenti.

Be the first to comment on "Emissioni di CO2 nel mondo: i paesi che inquinano meno e quelli che inquinano di più"

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading...