Fabbrica Tesla in Germania: il Brandeburgo diventa un hub innovativo

Foto di Blomst da Pixabay
Loading...

Elon Musk ha sorpreso l’establishment automobilistico quando ha scelto una piccola città per la prima fabbrica Tesla in Germania ed in Europa, nella zona orientale del paese. Il politico che lo ha attirato lì ora vuole trasformare la regione in un importante hub di fornitura di veicoli elettrici. 

Fabbrica Tesla in Germania, da singolo stabilimento ad hub innovativo 

Joerg Steinbach, ministro dell’economia nello stato del Brandeburgo, ha detto in un’intervista che l’impianto di produzione di celle batteria che Tesla intende aggiungere nello stabilimento di veicoli elettrici che sta costruendo a Gruenheide potrebbe essere operativo in circa due anni. E Tesla è tutt’altro che sola nello stato orientale. Il gigante tedesco della chimica BASF intende produrre catodi e riciclare batterie nella vicina Schwarzheide. La francese Air Liquide investirà 40 milioni di euro nella fornitura di ossigeno e azoto a quel sito. E la società statunitense Microvast mira a costruire moduli di ricarica rapida per furgoni e SUV a Ludwigsfelde.

Pronti migliaia di posti di lavoro in Brandeburgo

Questi investimenti e le grandi ambizioni di Musk, ill quale ha detto che il sito di Gruenheide potrebbe diventare il più grande impianto di batterie al mondo, stanno alimentando le speranze che il Brandeburgo, che ha perso gran parte della sua industria pesante durante la seconda guerra mondiale e dopo la caduta del muro di Berlino, possa emergere come un hub di fornitura di veicoli elettrici che sostiene migliaia di posti di lavoro. “Questa è la visione che sto perseguendo”, ha detto Steinbach, aggiungendo che l’arrivo di Tesla ha messo lo stato tra i posti prioritari per le aziende che cercano di creare nuovi siti industriali. “Abbiamo ricevuto più richieste di possibili investimenti nel Brandeburgo che mai – e tutto questo nel bel mezzo di una pandemia”. 

Dalla Model Y alle batterie, ambientalisti permettendo 

Prima che Tesla producesse le batterie in Germania, si è concentrata sull’assemblaggio del Model Y a Gruenheide. Il sito dovrebbe iniziare a realizzare il modello a metà di quest’anno e alla fine produrre fino a 500.000 veicoli all’anno. Mentre la costruzione è progredita in modo insolitamente veloce, l’azienda è ancora in attesa dell’approvazione finale da parte delle autorità del Brandeburgo, ed è stata bloccata dalle sfide legali dei gruppi ambientalisti. Eventuali ritardi nel processo di regolamentazione non significano che la fabbrica non riceverà il via libera finale. 

Apertura della fabbrica ritardata, ecco perché 

Le autorità stanno anteponendo la qualità alla velocità per garantire che qualsiasi decisione regga le controversie legali, ha affermato Steinbach, determinante nell’assicurare gli investimenti tedeschi di Tesla alla fine del 2019, promuovendo la vicinanza del Brandeburgo a Berlino, la sua forza lavoro qualificata e l’abbondanza di impianti di energia pulita. Nei mesi successivi, ha contribuito a creare una task force che si occupa di Tesla su questioni che vanno dall’approvvigionamento idrico dell’impianto alla sicurezza di un’uscita autostradale. “A volte è necessario tradurre la cultura delle nostre procedure di approvazione, che sono anche fortemente influenzate dalla protezione ambientale”, ha affermato Steinbach, un chimico di formazione che ha lavorato per più di un decennio presso l’azienda farmaceutica Schering. 

Lo stabilimento di Gruenheide 

Lo stabilimento di Gruenheide è la chiave per la casa automobilistica statunitense. Che sostiene i piani di espansione europea di Musk proprio mentre Volkswagen Group, Daimler e BMW ampliano le loro linee di veicoli elettrici. Per la Germania, il nuovo stabilimento automobilistico di Tesla promette nuovi posti di lavoro. Nel bel mezzo di un periodo altrimenti tetro, con le vendite di auto europee che sono crollate. Sotto pressione per essere lento, il governo del Cancelliere Angela Merkel ha teso la mano di benvenuto a Musk. Con il ministro dell’Economia Peter Altmaier che ha promesso al CEO tutta l’assistenza necessaria per far funzionare la struttura. Steinbach ha cercato di fare la sua parte, segnalando i pacchetti di aiuti a disposizione dell’azienda. E facilitando i contatti con le agenzie del lavoro locali per supportare le assunzioni. “Gran parte del mondo industriale guarda al Brandeburgo e al modo in cui lo gestiamo”, ha affermato Steinbach. “Questo progetto ha la massima priorità”.

  • Share on Tumblr

Be the first to comment on "Fabbrica Tesla in Germania: il Brandeburgo diventa un hub innovativo"

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.