Buon 80 ° compleanno, Mario Andretti

Ti piace questo articolo? Condividilo!
Loading...

Mischiali nell’ordine che preferisci, ma tutti e tre si qualificano facilmente come i più grandi di tutti i tempi nelle rispettive discipline sportive.

Loading...

La carriera di Andretti si è conclusa più di due decenni fa, ma l’ottantenne continua ad essere più famoso della maggior parte dei piloti che hanno seguito le sue tracce.

Celebriamo oggi la leggenda italiana, nata in America, con una raccolta di foto, storie e fatti che si spera possano fornire una misura completa dell’uomo.


Anche se sono cresciuto con Andretti, il mio passaggio dalla pit lane al mondo della scrittura e della cronaca è arrivato dopo aver appeso l’elmetto.


MILLER SUL PROFESSIONALITÀ DI ANDRETTI:

Non so quante persone lo sappiano, ma ha avuto un vantaggio di due giri nell’Indy 500 del ’87 prima che quella scatola che ha guidato si sia rotta.

”È tornato da Gasoline Alley e 90 membri dei media, 90 membri dei media legittimi. Venne fuori dal suo garage, passò 15 minuti a parlare con i ragazzi di un’altra delusione e disse: Penso che la sua conclusione sia stata: “Beh, almeno sapevano che eravamo lì oggi”.

“Arrivi in pochi minuti dopo aver vinto la gara più grande del mondo, tutto cade a pezzi e quanti ragazzi nel mondo di oggi avrebbero affrontato la musica in quel modo ed essere stati così professionali?

”Capire che, sicuramente, era la storia del mese in gara, ma per prendere le cose a passo di passo e per uscirne e parlarne. So che è un po ‘incapsulare che professionista fosse. È sempre il primo a cui vai per un preventivo, e non ha Ho corso dagli anni 90”.

”È il primo ragazzo che io abbia mai chiamato perché è molto eloquente. Inoltre può mettere le cose in una prospettiva così buona “.

MILLER SUL RIFLESSO DI ANDRETTI QUANDO TESTANO UN’AUTOMOBILE ALL’ETÀ DI 63 ANNI:

“Quando ha girato la macchina nel 2003, stava guidando in quel giorno, è arrivato a Gasoline Alley e AJ Foyt seduti su un carrello da golf.

Naturalmente quei due non si sono mai piaciuti. Foyt fa cenno ad Andretti di avvicinarsi e Mario rotola giù il finestrino della sua auto a noleggio e Foyt dice: “Immagino che sarò l’osservatore nel tuo test da principiante oggi. Sarò alla seconda curva, non farcela …”

Certo, ecco cosa succede. Colpa di Mario: c’erano dei detriti rimasti sulla pista che ribaltavano la sua macchina a testa in su ed è andata a 220 mph o qualunque velocità empia. Era semplicemente perfetto. Era solo più divertente di Sh * t per Foyt.

“Ero in piedi al primo turno quando è successo, è successo in fretta, ma è quasi arrivato alle tribune e lui scende e atterra e stai pensando, quante vite ha questo ragazzo? Tutto quello che aveva era un piccolo taglio sulla sua guancia. Quello era l’unico danno … “

Loading...

MILLER SULL’EREDITÀ DI ANDRETTI:

“È il Monte Rushmore. Lui, AJ Foyt, Dan Gurney e Parnelli Jones, questi sono i quattro ragazzi che sono stati i più versatili, i migliori, i più veloci, qualunque aggettivo tu voglia usare.

Ma quelli sono i ragazzi che hanno oltrepassato i confini. Hanno guidato tutto e qualsiasi cosa su cui potevano mettere le mani e hanno sempre eccelso, e questo non accadrà mai più. guidava le auto Indy ma quello non era il suo obiettivo principale per molto tempo, era la Formula 1.

“Quando AP ha fatto il driver del secolo (nel 2000), Mario Andretti e AJ Foyt, è stato un pareggio tra quei due; erano entrambi il numero uno in quella storia che è stata scritta e penso che avessero Mario come 1A e AJ come 1B.

Il fatto è che Foyt era un buon pilota di auto sportive, andava in auto sportive, non guidava così tante persone e ovviamente aveva successo nelle vetture di scorta. E le macchine Midgets e Sprint, era un duro Aveva opportunità in Formula 1, le ha semplicemente rifiutate, non voleva farlo.

Quindi, basandosi solo sulla loro mole di lavoro, doveva essere Mario perché … per essere il campione di Formula 1 ed essere il campione di auto Indy e per eccellere e vincere ancora gare nei tuoi anni ’50, voglio dire, non so come puoi superarlo. Non so come nessuno possa mai superare quello che ha realizzato. “

MILLER SULLA REAZIONE DI FOYT DI ESSERE NOMINATO IL NO. 2 DRIVER DEL SECOLO AD ANDRETTI:

“Quando AP ha chiamato Mario n. 1A, ricordo di aver chiamato AJ e Mario per commentarlo. AJ, che doveva avere 60 anni, ha detto:” Bene, fanculo. Corriamo subito. Non voglio essere fottutamente legato con quello. ‘ Disse: “Tutto ciò che vuole correre”. Ho detto, “A.J., che cosa hai intenzione di correre, un fottuto scuolabus?

Questa è l’unica cosa in cui il tuo culo grasso può adattarsi.” Ha detto: “Beh, devo perdere circa 30 chili …” Ero abbastanza coraggioso con Foyt al telefono. Potevo davvero fare casino con lui al telefono. Quindi ho chiamato Mario. Mario, ovviamente, è un mondo di classe.

“È solo un onore essere nominato nello stesso respiro di AJ Foyt, ed è stato il metro quando ho iniziato ed era quello con cui mi sono misurato. E quando hai battuto AJ Foyt, hai battuto il migliore.’ Era così. “

Loading...

Be the first to comment on "Buon 80 ° compleanno, Mario Andretti"

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.