Ford investe 42 milioni di euro per la produzione dei loro nuovi modelli ibridi

S-MAX Hybrid e Galaxy Hybrid
S-MAX Hybrid e Galaxy Hybrid
Ti piace questo articolo? Condividilo!
Loading...

Presso lo stabilimento Ford di Valencia hanno annunciato l’introduzione di due nuove linee di produzione dedicate alle batterie dei nuovi modelli elettrici.

I modelli S-MAX Hybrid e Galaxy Hybrid saranno prodotti a Valencia e arriveranno sul mercato mondiale il prossimo anno.

Dal 2011, Ford, ha investito 3 miliardi di euro per sostenere la produzione di Kuga.

Questo investimenti cosentirà la produzione delle batterie agli ioni di litio che alimenteranno la nuova Kuga Plug-In Hybrid e Hybrid, S-MAX Hybrid e Galaxy Hybrid.

La produzione avverrà in parallelo con quella dei veicoli stessi, per una maggiore efficienza produttiva e sostenibilità.

Quando verranno introdotti i modelli S-MAX Hybrid e Galaxy Hybrid, offriranno una maggiore efficienza ed emissioni di CO2 ridotte.

I modelli S-MAX e Galaxy Hybrid saranno alimentate da un motore a benzina Atkinson da 2,5 litri, un motore elettrico, generatore e una batteria agli ioni-litio.

L’Ovale Blu ha annunciato l’introduzione di 14 veicoli elettrificati, in Europa, entro la fine del 2020.

Ecco le parole del presidente di Ford Europa Stuart Rowley

L’elettrificazione sta rapidamente diventando la scelta prevalente.Pertanto, stiamo aumentando in modo sostanziale il numero di modelli elettrificati e opzioni di propulsione per soddisfare tutte le esigenze dei nostri clienti

Facilitando al massimo il passaggio a un veicolo elettrificato, prevediamo che la maggior parte delle nostre vendite di automobili saranno con motori elettrificati entro la fine del 2022”.

S-MAX Hybrid e Galaxy Hybrid, parliamo dei nuovi modelli dell’Ovale Blu

I nuovi modelli S-MAX Hybrid e Galaxy Hybrid condividono la più recente architettura full-hybrid di Ford.

Loading...

Be the first to comment on "Ford investe 42 milioni di euro per la produzione dei loro nuovi modelli ibridi"

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.