Come le case automobilistiche prevedono di evitare multe da CO2 in Europa

Loading...

Per le case automobilistiche europee, un grande salto nell’ignoto è iniziato il giorno di Capodanno. Quando sono entrati in vigore gli standard sulle emissioni dell’Unione Europea che richiedono una flotta media di 95 grammi per chilometro di CO2. I numeri sono netti. Secondo l’UE, le emissioni della flotta nel 2018 sono state di 120 g / km. Il che significa che le case automobilistiche hanno bisogno di una riduzione complessiva del 21% per evitare multe da CO2 che potrebbero ammontare a 33 miliardi di euro quest’anno, secondo alcune stime. Ogni grammo oltre il limite, per veicolo, costerà ai fabbricanti d’automobili 95 euro.

Evitare multe da CO2 in Europa

Ogni casa automobilistica ha un obiettivo diverso. Basato sulla massa media dei veicoli che vendono, e solo il 95% delle vendite viene misurato nel 2020, il che significa che alcune auto ad alto inquinamento non contano. Anche così, l’analista ISI Evercore ha ammonito che “la normativa sulla CO2 2020-21 rappresenta il rischio maggiore per l’industria automobilistica nella memoria recente”. Per raggiungere i loro obiettivi, ogni marchio si è rivolto all’elettrificazione, dagli ibridi leggeri a 48 volt fino alle auto completamente elettriche. Le auto con emissioni pari o inferiori a 50 g / km, in genere auto elettriche a batteria o ibridi plug-in, possono beneficiare dei cosiddetti “supercrediti”. Un vantaggio che verrà eliminato gradualmente tra due anni. Non è chiaro il modo in cui i consumatori reagiranno, dati i prezzi più elevati. E le preoccupazioni sulla portata e sulla disponibilità della stazione di ricarica.

Elettrico e ibrido, un mercato molto piccolo

Secondo l’Osservatorio europeo dei combustibili alternativi, un servizio statistico dell’UE, i veicoli elettrici a batteria hanno costituito circa l’1,7% delle immatricolazioni europee totali fino a ottobre 2019. Gli ibridi plug-in sono andati ancora peggio con solo l’1% delle immatricolazioni, lo stesso del 2018. 

Lo scoglio CO2

Il divario delle emissioni non è cambiato nell’ultimo anno, hanno detto gli analisti. “Data la scogliera di CO2 che l’industria sta affrontando e, come abbiamo scritto prima, si sarebbe sperato in una transizione graduale verso una migliore efficienza del carburante”, ha dichiarato Arndt Ellinghorst dell’ISI in una nota di dicembre. “Invece, continuiamo a osservare pochissimi miglioramenti.” Ellinghorst e i suoi colleghi dell’ISI affermano che i rischi di multe da CO2 sono molto reali. “Le attuali prestazioni di CO2 non sono abbastanza buone e continuiamo a segnalare che le case automobilistiche corrono il rischio di affrontare multe considerevoli se non si fa di più”, ha detto.

Nessun progresso sulle emissioni di CO2

Ma la mancanza di progressi sulle emissioni di CO2 potrebbe essere strategica, ha affermato Al Bedwell, direttore delle previsioni globali del gruppo propulsore presso LMC Automotive. “Non dovremmo essere sorpresi che la tendenza della CO2 non abbia ancora iniziato a muoversi in una direzione positiva per molte case automobilistiche”, ha detto in una nota. “Non vi è alcun incentivo per le case automobilistiche a iniziare a vendere i loro prodotti più efficienti dal punto di vista dei consumi prima di gennaio”. In particolare quelli che potrebbero essere meno redditizi, come gli ibridi plug-in, rispetto alle tradizionali automobili a combustione interna.

Convincere gli automobilisti ad acquistare il nuovo

Per le case automobilistiche che operano in Europa, convincere i consumatori ad acquistare auto che hanno evitato in passato è un po ‘come giocare a scacchi in tre dimensioni. Ci sono molte mosse che possono fare, sia nelle vendite, nel marketing, nella produzione e persino nella registrazione. Inoltre, vi sono programmi nazionali di incentivazione che variano ampiamente da paese a paese.

Soluzione a sorpresa?

Una soluzione, almeno per il 2020 e il 2021, potrebbe nascondersi in bella vista: i diesel. Dopo che la quota di mercato del diesel è crollata bruscamente negli ultimi anni dopo l’ammissione del Gruppo Volkswagen di aver imbrogliato i test delle emissioni diesel, le vendite sembrano rimanere stabili da circa il 30% al 32% del mercato europeo. Le vendite di diesel si preannunciano stabili nel 2020. Persistono sfide ancora più grandi, poiché le norme sulla CO2 diventeranno ancora più difficili per le case automobilistiche che operano in Europa.

  • Share on Tumblr

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading...