You are here
Home > Life&Style > La realtà virtuale di Lufthansa: un Salone del Mobile da Premium Economy

La realtà virtuale di Lufthansa: un Salone del Mobile da Premium Economy

Durante la Milano Design Week 2016, il Fuorisalone che si svolge in contemporanea al Salone del Mobile, mi è capitato di imbattermi nell’installazione di Lufthansa. La compagnia aerea tedesca, presso il nhow Hotel di via Tortona, ha dato la possibilità a chiunque di poter vivere un’esperienza di viaggio virtuale a bordo della sua Premium Economy, la nuova classe di viaggio che sta decisamente spopolando.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lufhtansa, un esordio da star

Per la compagnia tedesca si trattava della prima partecipazione al FuoriSalone del Mobile e, tra i vari eventi di lifestyle e design che durante la settimana hanno animato il cuore di Milano, sicuramente l’experience promossa dalla stessa Lufthansa è stata molto interessante. In sostanza, era come essere a bordo di un aereo della compagnia. Un’esperienza di volo innovativa, non solo emozionale. Perché tutti coloro che hanno visitato lo spazio Lufthansa hanno avuto la possibilità di salire a bordo del Boeing 747-8, all’interno della Premium Economy. Come? Grazie ad un motion controller che ha dato, di fatto, la possibilità di poter interagire con l’esperienza virtuale di bordo: e quindi ecco arrivare il pasto, la hostess o, semplicemente, l’emozione di guardare fuori dal finestrino o quello che sta facendo il nostro vicino.

L’emozione non ha voce

E se è proprio vero, come cantava Adriano Celentano, che “…l’emozione non ha voce…” è altrettanto vero che l’installazione di Lufthansa ha colto nel segno: perché inserirsi in un panorama di icone del design, con un format molto impattante, ha catturato l’interesse. Oltre a quello degli operatori di settore, anche della gente comune. Piccola aggiunta: tutti i partecipanti hanno potuto, compilando l’apposita cartolina, iscriversi al concorso “MoreSpaceAhead” per vincere 2 biglietti intercontinentali in Premium Economy Lufthansa.

  • Share on Tumblr

Rispondi

Top